Pubblicità: un sogno ad occhi aperti

La pubblicità è un sogno, un sogno ad occhi aperti. Parole e immagini che descrivono un mondo, spesso surreale. Anzi, quasi sempre surreale. Ma la magia è questa, lasciarsi trasportare lontano, in party super mega cool, con musica fresh, scarpe stra stilose e mood da bella vita. Perchè sognare è una necessità; staccarci per qualche secondo dalla realtà e accogliere simboli, status e passioni che con grinta vengono catapultati in pochi secondi sulla nostra pelle, dentro la nostra mente. Lo stesso sogno che si è avverato ieri sera durante La notte dei Pubblivori (Teatro degli Arcimboldi – Milano). Un evento molto interessante, semplicemente perchè ha reso la pubblicità l’attore principale e non la semplice comparsa. Quattro ore, forse più di spot internazionali. Nota positiva per l’estero (Francia e Inghilterra su tutti) che si conferma un passo avanti rispetto all’Italia per la creatività frizzante e il linguaggio libero e forse più rilassato. Una manciata di secondi, poco tempo. Ma tali da far divertire una platea immensa, appunto, ogni manciata di secondi. Oppure di renderla pensierosa, con filmati drammatici e crudi, forti. Spot che ti scuotono. Come quello sui bambini soldato. Ecco, la pubblcità apre gli occhi di tutti, evidenzia cose sotterranee. Radici che pulsano e che devono venir fuori, per forza. Per rendere giustiza a situazioni disumane. Ma anche per prendere con ironia la vita di tutti i giorni e tanti stereotipi del contemporaneo.

La Notte dei Pubblivori
Teatro degli Arcimboldi – Milano

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in ARTE. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...