10 cose che ti destabilizzano appena torni in Sardegna

Quando vivi a Milano da un po’ di tempo, ti abitui a tante cose:
spostarti con la metro;
continuare a chiamarla metro, e non metrò;
usare biciclette che non siano mountain bike;
spiegare ai milanesi che non puoi conoscere tutti gli agriturismi della Sardegna;
schivare gli areoplani ed elicotteri dei pachistani in Centrale;
fare lo slalom tra gli ambulanti del Duomo che vogliono appiopparti un bracialetto;
entrare in un autobus con tre etnie diverse, tra cui quella latino/spagnola, e avere più parole simili allo spagnolo che all’italiano;
vedere tziedde in bicicletta.

Quando torni in Sardegna ci sono quindi dei traumi da superare.

Eccone 10.

1) Se arrivi ad Olbia e non hai passaggio, devi aspettare il pullman. Il pullman però aspetterà che arrivi l’aereo di turno, quindi se ritarda quell’aereo aspetti anche tu. E se il tuo aereo arriva in ritardo, aspetti comunque.

2) Magicamente, se a Milano ti sei abituato a dire “Ci vediamo alle 10:15”, in Sardegna dirai “Ci vediamo verso le 10:00/10:30.

3) Se non hai macchina, fatti il segno della croce. Non esistono praticamente treni e gli autobus, spesso fanno giri allucinanti.

4) Se torni in nave, e non prendi la cuccetta, che sia inverno o estate ti spareranno l’aria condizionata a mille.

5) Con tante persone che incontrerai, passerai più tempo a dire “Sono tornato il…” “Riparto il…” piuttosto che spiegare il motivo della tua visita.

6) Il primo giorno vorresti ripartire. Il secondo ci rifletti. Il terzo ti piange il cuore al pensiero di riprendere l’aereo.

7) Ti destabilizza vedere finalmente delle pubblicità per il Redentore e la settimana Santa. E pensi che sarebbe bello vederle sparse anche per Milano.

8) Ti riabitui al cumbido.

9) Non usi la bicicletta (almeno a Nuoro).

10) Anche se ha tanti problemi, capisci che quello che maggiormente ti destabilizza è la tua terra.
Le tue radici, talmente forti da portarti in questo limbo di amore e odio, di gioia e tristezza. La Sardegna quando ci nasci e cresci diventa il perno della tua vita, la base da dove partire, tornare e ripartire. E la prendi così com’è. Perchè è bella così com’è.

Massimo Demelas
http://www.massimodemelas.wordpress.com

Aereoporto Olbia

Annunci

2 pensieri su “10 cose che ti destabilizzano appena torni in Sardegna

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...