10 cose che distinguono un sardo da un milanese al bar

Ecco l’elenco delle 10 cose che distinguono un sardo da un milanese al bar.

1) Il sardo “Allora pago 4 caffè, 1 acqua, 4 paste (croissant)”. Il milanese “Prego, 1 euro per il mio caffè”.

2) Il sardo quando cumbida ad un milanese “Dai cosa ti prendi?”…il milanese “No niente, non preoccuparti, già bevuto prima”.

3) Se sei in cricca con sardi “Oi mudu, fai pagara a me. Aiò non stressarmi, chiudi il borsellino. Isu, l’ho ordinato io il giro. Aiò firmu. Isu bett’istress. (Con la cassiera) Prego paghi con questi per piacere. No no prenda questi!!!”.

Se sei con milanesi non ci sarà nessuna ressa alla cassa. Proverai il brivido di vedere gente che fa calcoli con i centesimi.

4) Se un milanese accetta un cumbido sarà contento come una Pasqua. Potrebbe anche commuoversi.

5) Il sardo: mi dia un caffè e una pasta.
Il milanese: mi dia un cafferino e una brioscina.

6) Il sardo: mi dia una zero quaranta.
Il milanese: mi dia una media.

7) Il sardo: un panino con la mortadella?
Il milanese: un panino con la bologna?

8) Il sardo: ti porta in un bar dove conosce il barista. Lui saprà già chi deve e non deve pagare.
Il milanese: qualsiasi locale va bene. Tanto ognuno si paga il suo.

9) Il sardo: alla domanda della cassiera dell’Auotgrill “oltre al caffè e alla brioche, gradisce anche la spremuta di arancia?” dirà sempre di no.
Il milanese forse accetterà. Pagando più la spremuta di 8 caffè messi insieme.

10) Il sardo: se entri in certi bar alle feste di paese…prenditi un paio di giorni di ferie.
Il milanese: cafferino al volo, brioscina, spremutina, aperitivino e via.

Massimo Demelas
http://www.massimodemelas.wordpress.com

Cumbidare

Annunci

20 pensieri su “10 cose che distinguono un sardo da un milanese al bar

  1. Da precisare la postura del sardo al bancone, soprattutto se barbaricino o ogliastrino, cioè quella di poggiare la spalla al bancone, e scaricare il peso sulla gamba opposta a formare una vaga idea di palo arcuato, oppure poggiarsi al bancone scaricando il peso sotto l’ascella e con la mano che mantiene la testa conservando la stessa inclinatura del corpo. Tendenzialmente quando si è in tre, i due ai lati hanno la postura sopraelencata, il centrale essendo più lontano dal bancone trattiene la birra in mano e si propende leggermente all’indietro divaricando le gambe. Puoi essere avvocato, medico, infermiere, banchiere che se sei al bar parli solo di orto, vigna e di bestiame.

  2. Consiglio per i continentali, se entrate al bar con un gruppo di sardi numeroso, pensate bene a cosa ordinate al primo giro, perche la stessa cosa vi verra servita nuovamente dal barista senza che veniate minimamente interpellati, ad semplice cenno dei vostri “accompagnatori ” mettete in conto almeno un giro per ognuno di essi, quindi ordinate roba forte solo se siete veramente in grado di reggerne un bel po.

  3. se non c’erano i milanesi…i sardi sarebbero senza bar.. e a pascolare pecore.. visto che vivono con la cassaintegrazione pagata dai milanesi…

    • ah ah ah ah …….giggi la sardegna non campa dalla cassa integrazione pagata dai milanesi…….solo perche vedi un pò di televisione, il 98 percento dei sardi non campa dall industria ………dovrebbero toglierla ai milanesi per vedere cosa succederebbe ,……………..e ricorda che qui siamo un milione e mezzo di persone per una regione grandissima ..e se vieni in sardegna fidati non siamo morti di fame, tutt altro!!!!!!! a parte questa, la storiella dei milanesi e sardi fa al quanto pena e ti dò tutte le ragioni per aver scritto un commento del genere ciao

      • Bravo Davide! Questa gente fatta di ghiaccio tutto sappiamo noi, tutto facciamo noi bla bla bla saranno le classiche persone destinate a morire nella loro solitudine..poveri illusi! E fatevi una bella cultura che tutto il mondo è paese e ovunque vai è bello incontrare posti e persone diverse e confrontarsi! ASINO!

      • Davide, forse non conosci le origini della Lombardia e di Milano, una volta qui erano solo contadini, quindi non pensate che i Milanesi e i Lombardi siano nati con le industrie, anzi , le origini Lombarde sono tra le piu’ contadine in Italia, anche perche’ la pianura padana si presta molto a quello. Detto questo, concordo con te sul fatto che questi luoghi comuni sono falsi stupidi e pietosi indipendentemente su chi vengono fatti e nonostante siano probabilmente scherzoso continuano a creare divisioni.

    • Ci sono sardi che pascolano le pecore come Lombardi che pascolano le pecore! L’allevamento è alla base dell’economia di tutte le regioni!!!…Ma l’ospitalità dei sardi non ha eguali 😉

      • Se la sognano la nostra ospitalità! Sapete sfoggiare solo del vostro avere materiale che è l unica vostra forza per andare avanti ed essere considerate delle “persone”..ma devi sapere caro GIGI che le persone devono lasciare un segno per quello che sono dentro..e con l odio che nutri tu che esce da ogni tuo piccolo poro lascerai sulla tua strada solo tristezza!

  4. Da non timenticare la domandarisposta di cumbidu ” Birra Buffasa “.Il cosa prendi o cosa ti posso invitare …….troppo lunghe e pericolose

  5. Ed ecco poi il nostro povero”GIGGI” che dall’alto della sua ignoranza per non ammettere la realtà nuda e cruda che i milanesi sono freddi associali e snob (non tutti ovviamente) , deve sempre tornare sui luoghi comuni che i sardi sanno solo portare le pecore al pascolo..Povero te, continua a respirare smog e fregatene…spero solo che nella tua vita tu non ti sia mai azzardato a prenotare un biglietto per la sardegna..troppe pecore..lascia perdere.

      • Su questo sono d’accordo. Questo elenco è un luogo comune trito e ritrito quanto quello esposto da Giggi.
        La differenza è che questo articolo non è arrogante come il caro Giggi.
        Chicca invece riporta tutti alla realtà 🙂 evviva le pecore e la pastorizia locale.

  6. Il tuo intervento “GIGGI” è un pò fuori luogo, dato il contesto e il senso stesso del post. Inoltre le tue argomentazioni sono piuttosto povere. Lasciatelo dire da uno che a mamma sarda e papà di Milano, vivo e lavoro a Milano e vado appena posso in Sardegna a trovare amici e parenti. Tornando a noi, il post mi sembra molto simpatico e sempre ragionando per luoghi comuni certo, perchè la “Tanalla” (tirchio) è sempre dietro l’angolo, rispecchia molto il modo di fare e pensare di due regioni molto diverse. Aggiungerei un ulteriore livello: All’interno della Sardegna differenze simili si presentano tra il “Biddaio” (colui che vive nei paesi) e il cittadino. Diciamo che il Biddaio sta al sardo come il cittadino sta al milanese. Che ne dite?

  7. Ne dico che io da sardo di un piccolo paese ci sarà sempre un nord e un sud finchè regnerà l’ignoranza ,anche un milanese nel nord Europa è un italiano senza regione .

  8. Da Milanese mi sono davvero sentito offeso, ormai i luoghi comuni su di noi, come su ogni popolo che ha ospitato un invasione si sprecano, ma dire che i Milanesi sono tirchi e davvero troppo, spero vivamente che il tuo tono sia scherzoso e sinceramente anche se fossero tali, ricordatevi sempre che alimentare luoghi comuni non fa il bene dell’Italia ne degli Italiani. Detto questo, fiero e orgoglioso di essere MILANESE!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...